Skip to content

La crisi dell’informazione (in italia)

7 settembre 2009

O forse sarebbe meno fuorviante: ‘l’oramai accertata morte dell’informazione in Italia’.

Il Manifesto, anche se spesso portatore di punti di vista sindacabili, non smette mai di dimostrare la sua serietà come quotidiano; serietà che oggi, in Italia, è sempre più rara.

Domenica scorsa (31 agosto) un trafiletto di suddetto giornale descriveva l’intreccio (o conflitto?) di interessi che collega Berlusconi a Gheddafi, tramite Ben Ammar, nella creazione di Nessma tv, e venivano riportati stralci del discorso che il premier ha fatto in occasione e dell’inaugurazione di suddetta televisione: si parla della democraticità della Tunisia e dell’ accoglienza che l’Italia dovrebbe riservare ai clandestini.

Domenica questa, Repubblica propone due articoli (pagina 8 ) titolati: “Ecco la Gheddafi-Berlusconi connection” e “Tunisi, in tv il Silvio-show ‘Non devo pentirmi di nulla’ ”.

Degne di nota due cose:

1)    Il materiale del primo articolo è stato fornito interamente dal Guardian, il che fa si che mi sorga immediatamente la seguente domanda: se “le notizie in questione erano già circolate nel nostro paese, anche se nessun organo di informazione le aveva trattate con particolare attenzione” (come sostiene Repubblica stessa), perché abbiamo bisogno che un giornale estero le pubblichi, prima che diventino di interesse per i giornali nostrani? Inoltre, il fatto che il Manifesto ne avesse parlato ben sette (e dico sette!) giorni prima, non avrebbe dovuto far drizzare le antenne ai giornalisti di Repubblica? 

2)    Il secondo articolo è un reportage, in stile cronaca-di-costume-misto-gossip, del discorso del presidente, attento principalmente a notare l’autoironia fatta dallo stesso sul suo rapporto con il sesso femminile… Ma quando si prospetta l’ipotesi di un ennesimo conflitto di interessi, e quando, inoltre, un politico italiano pronuncia all’estero sentenze in netta contraddizione con quanto detto, invece, in Italia (ed es che la sua è una politica di apertura all’immigrazione, che ai clandestini andrebbe offerta assistenza sanitaria gratuita, etc…), davvero ciò su cui un organo di informazione deve concentrarsi sono le sue battute sulle donne? Cioè, è davvero informazione questa??

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: